Zoonosi, scoperto nell’uomo di Neanderthal il primo esempio di malattia che passa da animale a uomo

Gli scienziati hanno scoperto uno dei primi esempi di spillover – quando una malattia passa da un animale a un essere umano – e riguarderebbe un uomo di Neanderthal che probabilmente si è ammalato mangiando carne cruda

Nel 1908, i fratelli Amadee e Jean Bouyssonie trovarono lo scheletro di Neanderthal più completo di tutti i tempi in una piccola grotta vicino a La Chapelle-aux-Saints, in Francia. L’esemplare, noto come il “Vecchio di La Chappelle”.

Solo prove recenti suggeriscono che i Neanderthal camminavano eretti, ma pare che comunque la loro postura scomposta e le ginocchia piegate fossero probabilmente dovute a una cattiva salute. Gli studi hanno mostrato che l’uomo di Neanderthal, che aveva circa 40 anni al momento della sua morte circa 50mila anni fa, soffriva di osteoartrite avanzata.

Leggi anche: Scoperta straordinaria! Questa antica grotta siberiana ospitava Neanderthal, Denisova e umani moderni, forse contemporaneamente

In effetti, una nuova ricerca pubblicata su Scientific Reports ha scoperto che l’uomo di Neanderthal era probabilmente afflitto da una serie di malattie, tra cui la brucellosi. La malattia è ancora oggi diffusa ed è generalmente acquisita quando entriamo in contatto diretto con un animale infetto, in genere dopo aver mangiato o bevuto un prodotto animale contaminato.

Secondo il dottor Martin Haeusler, esperto di medicina interna presso l’Università di Zurigo e autore principale dello studio, questo è forse il primo esempio di un evento di spillover: una malattia o un’infezione che è passata da un animale a un essere umano. 

La brucellosi provoca febbre, dolori muscolari, sudorazione notturna e può durare da settimane ad anni, a seconda della gravità dell’infezione e della disponibilità (o della stessa) del trattamento. I sintomi più gravi della brucellosi includono epididimite/orchite, infertilità, nati morti e aborti.

Questo avrebbe potuto rappresentare un aspetto importante della salute nei Neanderthal, o più in generale negli umani paleolitici, scrivono i ricercatori, secondo cui il Vecchio di La Chappelle avrebbe contratto una forma lieve della malattia probabilmente consumando un animale infetto crudo.

In più, hanno concluso che non tutte le deformità della colonna vertebrale e dell’articolazione dell’anca dell’uomo potevano essere spiegate dall’usura causata dall’osteoartrite.

zonnosi neanderthal

Possibile infezione da brucellosi vertebrale in un [email protected] Reports

Piuttosto, abbiamo scoperto che alcuni di questi cambiamenti patologici devono essere dovuti a processi infiammatori – ha detto Haeusler alla CNN. Un confronto dell’intero modello dei cambiamenti patologici riscontrati nello scheletro di La Chapelle-aux-Saints con molte malattie diverse ci ha portato quindi alla diagnosi di brucellosi.

In precedenza, prove di brucellosi erano state trovate in scheletri umani dell’età del bronzo risalenti a circa 5.000 anni fa, ma le nuove prove erano molto più antiche di un significativo ordine di grandezza.

Fonti: Scientific Reports / CNN 

Leggi anche:

Leggi tutto